X

Modello 231


Il D.lgs. 231/2001 introduce in Italia un regime di responsabilità amministrativa a carico degli enti secondo il quale le Società possono essere ritenute “responsabili” per alcuni reati commessi o tentati, nell’interesse o a vantaggio delle società stesse, da:
• esponenti dei vertici aziendali (i c.d. soggetti “in posizione apicale”)
• e da coloro che sono sottoposti alla direzione o vigilanza di questi ultimi (art. 5, comma 1, del D.Lgs. 231/2001).

L’ampliamento di responsabilità attuato mira a colpire, per determinati reati, il patrimonio delle società e gli interessi economici dei soci che, fino all’entrata in vigore del Decreto, non subivano conseguenze dirette a seguito dell’esecuzione di condotte penalmente rilevanti nell’interesse o a vantaggio della propria società, da parte di amministratori e/o dipendenti.

Cabel IP ha predisposto un Modello Organizzativo 231 costituito da un insieme di protocolli che regolano e definiscono la struttura dell’Istituto e la gestione dei suoi processi sensibili; se correttamente applicato, tale Modello, riduce il rischio di commissione di illeciti penali.

Il Modello si compone dei protocolli di seguito elencati:
1. Codice Etico esprime l’insieme delle linee di comportamento che attuano principi di legittimità, lealtà, correttezza e trasparenza a cui l’istituto si ispira nello svolgimento della propria attività.
2. Regolamento Organismo di vigilanza 231 descrive principi, regole di funzionamento, composizione e compiti dell’organismo 231;
3. Elenco dei reati rilevanti descrive tutte le fattispecie penali rilevanti ai fini della configurabilità della responsabilità amministrativa degli enti;
4. Regolamentazione interna e procedure operative che rappresentano il corpo normativo aziendale (norme a rilevanza interna od in applicazione della legislazione nazionale e comunitaria), manuali e le procedure operative
5. Risk assessment degli eventi di rischio 231 identifica tutti gli elementi aziendali utili a classificare, valutare e supervisionare il rischio per le singole tipologie di reato;


Modello di organizzazione, gestione e controllo Ex D.Lgs. n. 231/2001 (pdf)